LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

domenica 30 settembre 2012

Sconfitte e cadute...

Oggi non si parla né bambini né di giochi né di storie. Oggi si parla di me.
Mi sento giù: cadere una volta ti dà l'energia per rialzarti, cadere due volte ti fà migliorare ma cadere e continuare a cadere ti dà solo quel senso di sconfitta da cui non riesci a sfuggire.
Mi sento così: sconfitta!
Sconfitta perché non so chi sono né dove voglio andare, sconfitta perché ciò che pensavo di saper far bene non mi riesce più.
Da quando la mia bimba va a scuola, passo le mie giornate in maniera vuota: senza scopi né obiettivi.
L'essere rimasta senza lavoro mi dà le vertigini... mi sembra che non ci sia più spazio per me.

Ripartire da zero può essere molto bello ma non ho più l'energia di 5 o 10 anni fa: vorrei che qualcuno mi telefonasse perché sa che sono brava! Ma questo non succede ed io sto veramente pensando di essere una buona a nulla: forse non sono poi così brava come pensavo di essere!

Vorrei ritrovare quell'energia e quella speranza che avevo un tempo, vorrei ritrovare quel "come sono ganza! sono la più ganza di tutti!", vorrei sentirmi piena di me e felice per quello che faccio...

guardo la mia casa, la mia bimba, il mio compagno e mi si riempiono gli occhi di commozione al pensiero che tutto questo l'ho fatto io ma mi sento, anche, in colpa perché vorrei che tutto questo mi bastasse per essere felice...

Buonanotte care donne, stasera prendetemi così!

13 commenti:

Non so come aiutarti, se non dicendo di non aspettare che siano gli altri a dirti brava. Prova a dirtelo da sola: io uso un taccuino dove mi segno le cose belle o che sogno di fare senza secondi fini. Aiuto a tirare su il morale.
Un abbraccio e se vuoi la mia mail è sempre a disposizione :D!

Ti mando un abbraccio forte forte... Non ci sono parole utili, ti capisco perchè ci sono passata e so che non basta. L'amore per chi ci sta intorno, anche se immenso, non può essere tutto. Ammiro chi ci riesce ma per non è mai stato così... Dovresti scriverlo sul curriculum, credo non ci sia motivazione migliore! Tieni duro, il periodo è difficile, ma riuscirai a trovare la tua strada...

ho già scritto e cancellato una mezza dozzina di volte questo commento... posso solo dirti che probabilmente capita a quasi tutte le donne-mamme-lavoratrici. Il fatto di volere anche una gratificazione lavorativa non toglie nulla alla tua famiglia, credo sia legittima. E ovviamente è capitato anche a me di passare periodi nello sconforto più nero per questioni di lavoro!
Prova a ribaltare il punto di vista: puoi 'approfittare' di questo momento per studiare, seguire un corso di formazione, imparare una cosa che non sei mai riuscita a imparare perchè lavoravi... Spero di averti (almeno un pochino) incoraggiato! Un abbraccio.

dillo a me:il 1° giorno di maternità volevo già tornare in ufficio e dopo il parto sembravo un leone in gabbia.non sentirti in colpa perchè vuoi realizzarti come lavoratrice,non c'è nessuna colpa in questo.devi trovare la forza di uscire e ricominciare,dopo che questa giornata no sarà passata...

francy

stamani, ho riaperto il mio quaderno: erano anni che non lo facevo! Ho scritto 5 pagine fitte-fitte: dove sono, come ci sono arrivata, chi sono, cosa vorrei fare, cosa sogno... è stato bello! è stato come ripulire l'armadio: questo non mi piace, questo me lo dovrei mettere più spesso, questo qui non mi ricordavo neppure di averlo! Grazie: è stato bello!

ho scritto di nuovo il curriculum e, nella lettera di presentazione, ho cercato di esprimere tutta la soddisfazione ed il piacere che ho quando lavoro! Servirà... ne sono sicura! a me è servito per trovare nuova forza. grazie!

ma lo sai che mentre mi hai lasciato questo messaggio stavo giusto guardando in giro qualche corso di formazione?! telepatia?! bo!

oggi sto meglio: sarai tu... saranno i commenti qui sopra! da brava scolaretta ho seguito i suggerimenti e mi sento decisamente meglio.... quella telefonata arriverà! Adesso sono pronta!!! Grazie

Elena è banale dirlo - e forse di nessun aiuto - ma molte mamme passano questo periodo e vivono i tuoi stessi sentimenti.
In maternità mi sentivo inutile e un po' giu' di morale, vabbè il pancione, vabbè l'allattamento ma il mondo vero è fuori! Naturalmente oggi so che non è così ma per chi è stato abituato a studiare e poi lavorare, la prima pausa ti sembra inutile.
La seconda maternità l'ho fatta durare un po' di più, ho capito che potevo esistere e avere un senso anche senza le ore passate al lavoro. Ho fatto un corso di lettura ad alta voce (magari l'ennesimo ma fa lo stesso!), insieme ad altre famiglie abbiamo "costruito" un gruppo di acquisto. Ho iniziato l'affido di un minore.

E sai cosa penso ora quando sono in mezzo al traffico per andare al lavoro?: ma con tutto quello che ho di bello da fare a casa! e se potessi permettermelo, qualcosa dentro di me mi dice che rinuncerei al posto fisso........Ma questa è una cosa impossibile.

Vedrai, piano piano le cose accadono.
alessandra

Non sentirti in colpa se vuoi di più, perchè tu non sei solo una mamma e una moglie. Sei tu, Elena, una donna che ama la vita e tutto quello che la vita stessa può offrirle.. nuove esperienze, posti da scoprire, persone da conoscere e un lavoro che le piace e, perchè no, che la faccia anche un po' tribulare.
Le energie di cui parli, che senti mancare, ci sono se l'ambiente esterno le stimola e dà loro ragione di esistere.. Purtroppo oggi non va così. Questo non vuol dire che tutto è perduto, anzi usa questo tempo di attesa per migliorare sempre di più, per conoscere più cose, per essere ancora più ganza!
Spero che quest'attesa ti regali quello che cerchi e anche di più! :)

quanti bei consigli! ne farò tesoro anch'io!grazie!

miracoli del web... la cosa più bella sono queste alchimie che si creano a distanza!

i momenti di sconforto ci sono, come ci sono quelli in cui tiriamo le conclusioni, ma ricorda sempre che tu sai chi sei, e non deve dirtelo nessuno
ok gratificazioni esterne, ok la voglia di lavorare, ma tu sei tu sempre e comunque anche tra 4 mura!
un abbraccio

Posta un commento

Facebook Twitter Feeds