LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

sabato 25 agosto 2012

Piccoli giochi per sviluppare l'immaginario del bambino (parte 1°)

Sviluppare l'immaginario del bambino è fondamentale per permettergli di avere una vita ricca e serena: saper sognare ci permette di liberare l'inconscio e trasformare immagini ed emozioni in attività concrete. Persone che hanno fatto grandi cose è perché, in precedenza, avevano fatto grandi sogni....
Oltre a questi grandi obiettivi, un bambino capace di sognare è un bambino capace di giocare e di divertirsi anche in assenza di giocattoli elaborati; la sua mente sarà, quindi, ricca e libera di esplorare.

Il nostro compito di genitori ed educatori è quello di aiutare il bambino a liberare l'immaginario e dobbiamo far questo perché il mondo intorno a noi è fatto di cose finite. Vi faccio un esempio che vi permetterà di capire meglio cosa intendo: quando raccontiamo una storia ad un bambino la sua mente dovrà fare lo sforzo di immaginare i personaggi e vederli muoversi; quando guarda un cartone animato, invece, non ne ha bisogno: è già finito! Altro esempio: quando un bambino gioca con delle costruzioni semplici, la sua mente deve elaborare un'immagine, coordinarla con l'azione della mano, sperimentare etc. quando, invece, gioca con uno di quei giochi del tipo schiaccio un bottone e fa un suono e un movimento, la sua immaginazione rimane ferma (non ha bisogno di muoversi perché è finito). Ultimo esempio (che mi è davanti agli occhi tutti i giorni): Siria ha molte bambole ed ama prendersi cura di loro: ha delle bambole che si muovono da sole, parlano e piangono. Altre, invece, no: per le bambole semplici è lei e il suo immaginario che lavorano in concertazione per sentire la bambola piangere, parlare e ridere.

Attenzione: non sto denigrando giochi o cartoni animati... anzi! Siria ha a disposizione tutto: ma un bimbo che sa usare l'immaginario preferisce giochi più semplici (o addirittura nulla) per divertirsi!!!!

Oggi, vi presento un semplice gioco che potete fare con i vostri bambini: vedrete che bello viaggiare insieme con la fantasia!

Uno strumento che mi piace molto usare è la lavagna: perché permette di cancellare, entrare nel disegno ed interagire oltre al fatto che non da grande "ansia da prestazione": se qualcosa viene male, non ci piace, fa paura può essere cancellato e non esiste più.


Eccovi il gioco che faccio con la mia bimba (o con chi mi capita tra le mani):
ci sediamo davanti alla lavagna pulita ed io chiedo:"cosa vedi?"
Ieri, Siria mi ha detto di vedere una casa. Mentre chiedo maggiori informazioni: di che colore è il tetto? c'è una porta? dove? come è fatta? ci sono finestre? e altro... ovvero tutto quello che mi viene in mente provo a disegnarla: spesso Siria mi interrompe per concludere lei il disegno oppure interagisce con il disegno stesso:
es. ho disegnato la porta e accanto un campanello, lei ha suonato due volte il campanello disegnato (premendo sul disegno e facendo il suono: DLIN DLON) e poi ha concluso:" non c'è nessuno in casa!" allora io le ho detto: "proviamo ad entrare!". Ho disegnato una chiave e Siria ha aperto la porta.


Allora, ho cancellato porta e finestre e ho lasciato solo lo scheletro della casa, poi ho chiesto: "cosa c'è dentro la casa?" e nuovamente ho fatto domande ed ho disegnato:


Dentro la casa c'era un bambino che dormiva nella culla. Poi si è svegliato perché aveva fame, allora abbiamo disegnato una cucina con un biberon e Siria lo ha allattato.
Poi, anche Siria aveva sonno e, allora, è andata al piano di sopra e si è messa a dormire nel suo lettino a castello però sul letto di sopra... (nella realtà ha un letto normale ad una piazza ma quando va a casa del suo amichetto Elia gli invidia tantissimo il letto a castello!!!)



Chi sogna di giorno conosce molte cose che sfuggono a chi sogna solo di notte... (E.A.Poe)






7 commenti:

Che meraviglia questo gioco! Ti seguo!

...lo faccio pure io! è divertentissimo anche per me!

Bello, non vedo l'ora di provare questo gioco con D.!

bellissimo questo post. Noi useremmo grandi fogli da disegno... perché i gessi non sono il massimo per le mani di Alice, ma non importa, giusto?

ma che bel post e che bel blog... complimenti... lo sto leggendo tutto d'un fiato... da oggi sarò tua lettrice fissa!!! mi servirà per la mia bimba che ha 25 mesi...grazie!!

Molto interessante questo post!

Posta un commento

Facebook Twitter Feeds