LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

venerdì 31 agosto 2012

I diritti naturali dei bambini e delle bambine (1°parte)

IL DIRITTO A SPORCARSI
in onore si Gianfranco Zavalloni

Questa notte c'è stato un temporale ma stamani è tornato il sole ed io e Siria, ormai stanche di stare a casa, siamo andate al parco del paese vicino con l'idea di stare un pò in compagnia di altri bambini.
Arrivate al parco, Siria era eccitata all'idea di giocare ed è entrata al parco correndo, poi è tornata indietro tutta triste e mi ha detto:"mamma non c'è nessuno!!!".

Allora sono entrata anch'io e, stupita, mi sono resa conto che il parco era vuoto... considerate che il parco è molto vissuto: a qualsiasi ora troviamo sempre un sacco di bimbi ma oggi nessuno!!!

Vi giuro che non capivo: ero incredula quanto Siria! Poi è arrivata una mamma in bici con un bambino e ho sentito che diceva:"Oggi non ci possiamo fermare! Vedi: è tutto bagnato!".

é tutto bagnato!!!
come è tutto bagnato? al massimo un pò umido... e, poi, è più bello!!! l'umido ci fa respirare un pochino dopo questi caldi infernali...
ho capito: niente bimbi!!!

Io e Siria ci siamo messe, comunque, a giocare e non ci siamo neppure bagnate tranne quando lei è sfuggita alla mia attenzione e ha deciso di saltare dentro una pozzanghera... ma che bello!!! magari avessi ancora il coraggio di farlo (fregandomene se poi devo passare da qualche bottega).

Naturalmente, questo episodio mi ha fatto pensare: ho pensato ad un caro amico che ci ha lasciato qualche giorno fa e che, anni addietro, aveva scritto un manifesto bellissimo: i diritti naturali dei bambini e della bambine.




IL DIRITTO ALL'OZIO
a vivere momenti di tempo non programmato dagli adulti

IL DIRITTO A SPORCARSI
a giocare con la sabbia, la terra, l'erba, le foglie, l'acqua, i sassi, i rametti

IL DIRITTO AGLI ODORI
a percepire il gusto degli odori, riconoscere i profumi offerti dalla natura

IL DIRITTO AL DIALOGO
ad ascoltatore e poter prendere la parola, interloquire e dialogare

IL DIRITTO ALL'USO DELLE MANI
a piantare chiodi, segare e raspare legni, scartavetrare, incollare,
plasmare la creta, legare corde,accendere un fuoco

IL DIRITTO AD UN "BUON INIZIO"
a mangiare cibi sani fin dalla nascita, bere acqua pulita e respirare aria pura

IL DIRITTO ALLA STRADA
a giocare in piazza liberamente, a camminare per le strade

IL DIRITTO AL SELVAGGIO
a costruire un rifugio-gioco nei boschetti, ad avere canneti in cui nascondersi,
alberi su cui arrampicarsi

IL DIRITTO AL SILENZIO
ad ascoltare il soffio del vento, il canto degli uccelli, il gorgogliare dell'acqua

IL DIRITTO ALLE SFUMATURE
a vedere il sorgere del sole e il suo tramonto, ad ammirare, nella notte, la luna e le stelle





1 commenti:

Condivido in piano quello che scrivi, e questa "carta dei diritti" dovrebbe essere appesa in ogni casa, in ogni strada, in ogni cuore!
Mi sono permessa di compiarla e in casa l'appenderò di sicuro (nel mio cuore c'è già!)

Posta un commento

Facebook Twitter Feeds